© Copyright - tutti i diritti sono riservati - Antonio Caschetta 85020 Maschito (Pz) Largo Caroseno n. 7 

Tel. e Fax +39 0972 33533 - Mobile +39 328 4488060 - E-mail: info@caschetta.com - Pec: antonio.caschetta@geopec.it

 

P.IVA  IT01019400769 - Codice destinatario  KRRH6B9

Successioni Online 2019

agenzia_entrate.jpg

Lo studio Caschetta ha attivato, sin dal dicembre 2006, per tutta l'Italia il nuovo servizio di successioni online. Si tratta di un servizio a pagamento, svolto dai nostri esperti che quotidianamente si occupano delle pratiche successorie.

Elaboriamo tutta la modulistica su modelli ministeriali e la trasmettiamo finita al tuo indirizzo di posta elettronica.
Non devi fare altro che stampare, firmare e consegnare la successione con gli allegati già in tuo possesso all’Agenzia delle Entrate.

CHI DEVE PRESENTARE LA DENUNCIA DI SUCCESSIONE, QUANDO E DOVE
Gli eredi, per legge o per testamento, di una persona deceduta (de cuius) intestataria di beni immobili, devono presentare la denuncia di successione per il passaggio di proprietà, entro 1 anno dalla data di morte del titolare dei diritti (de cuius), presso l’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate competente in base al luogo di ultima residenza del defunto; se gli eredi sono più di uno la denuncia di successione può essere sottoscritta e presentata anche da uno solo di essi.

COME
Nel caso di prima dichiarazione avente a oggetto successione apertasi prima del 3 ottobre 2006 è obbligatorio utilizzare il modello 4, da presentarsi direttamente all'Agenzia delle Entrate competente.

Nel caso di prima dichiarazione avente a oggetto successione apertasi a partire dal 3 ottobre 2006 è possibile scegliere se utilizzare il modello 4 (fino al 31 dicembre 2018) oppure il nuovo modello di successione e voltura da trasmettere telematicamente.

Nel caso di dichiarazione integrativa o modificativa è obbligatorio utilizzare il modello 4 e la modalità di registrazione utilizzata per la prima dichiarazione.

Il modello 4 (valido sino al 31 dicembre 2018) si deve stampare in più copie con:
- le generalità e l’ultima residenza del defunto;
- le generalità, il grado di parentela con il defunto e la residenza degli eredi e legatari;
- la descrizione analitica dei beni caduti in successione con l’indicazione del rispettivo valore;
- gli estremi degli atti di trasferimento di beni a titolo oneroso posti in essere negli ultimi sei mesi di vita del defunto con i mezzi di prova del reimpiego o del consumo delle somme realizzate a seguito dell’alienazione dei detti beni;
- gli estremi degli atti di donazione e liberalità eventualmente posti in essere dal defunto nei confronti degli eredi e legatari;

ed allegare i seguenti documenti:
1) dichiarazione sostitutiva del certificato di morte (autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47, D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000);
2) dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia del defunto e degli eredi rinunciatari o premorti (autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47, D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000);
3) eventuale copia autentica degli atti di ultima volontà (testamento), dai quali è regolata la successione;
4) eventuale copia autentica della dichiarazione di rinuncia all’eredità o al legato;
5) dichiarazione sostitutiva dei dati catastali degli immobili posseduti dal defunto (autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47, D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000);
6) prospetto delle imposte autoliquidate con ricevuta del versamento effettuato (mod. F24 quietanzato).

 

L’ufficio (Agenzia delle Entrate), dopo la registrazione, restituirà le copie per voltura agli eredi che provvederanno a presentarle in uno con la domanda di volture entro 30 giorni - dalla data di registrazione - all’Agenzia delle Entrate - Territorio (ex Catasto).

DETERMINAZIONE DEL VALORE DEGLI IMMOBILI
Il valore degli immobili si calcola in base alla rendita catastale opportunamente rivalutata determinando così l’asse ereditario sul quale si calcoleranno le imposte da autoliquidare (questa operazione sarà svolta dallo studio caschetta, eccezion fatta per il valore dei terreni edificabili che dovrà essere comunicato dal cliente).

DICHIARAZIONE IMU
Gli eredi ed i legatari, per gli immobili oggetto della dichiarazione di successione, non sono obbligati alla presentazione della dichiarazione ai fini IMU, sarà l’ufficio (Agenzia delle Entrate) presso il quale viene presentata la dichiarazione di successione a trasmetterne una copia a ciascun Comune nel cui territorio sono ubicati gli immobili (ciò nonostante alcuni comuni richiedono la comunicazione di variazione ai fini IMU).

Verifica il costo del servizio di Successioni Online

Applicativi per approntare autonomamente la pratica di successione mediante files XLS e PDF editabili.

Successione con massimo due eredi e un solo immobile.

"miglior prezzo del web"

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now